Dizionario Geografico Fisico
Storico della Toscana
di Emanuele Repetti

La scheda

Della scheda realizzata nell’ambito del progetto di informatizzazione del Dizionario, si illustreranno qui solo i campi che per ora sono stati inseriti nella versione on-line.

Dopo la prima riga, in cui è il numero di riferimento della scheda, nella seconda si trova il campo contenente la denominazione, cioè il nome dell’articolo, ovvero il toponimo o, in certi casi, l’oronimo, l’idronimo o il titolo “generico”. Perché infatti non si perdano titoli, e dunque le informazioni relative, quelli non toponimi (come per esempio “arcivescovati” o “acquedotti”) vengono riportati nel campo denominazione accanto al nome della località cui competano e a cui siano stati associati.

Nella terza riga è riportato il toponimo IGM (ovvero il nome attuale del luogo desunto dalla cartografia IGM 25.000, serie vecchia) mentre nella quarta sono le informazioni relative al testo cartaceo: numero del volume e pagina in cui si trova l’articolo relativo. Seguono quindi i campi coi riferimenti cartografici attuali di Comune e Provincia.

Da questo formato di scheda si può accedere ad uno più completo comprendente ulteriori elementi: le coordinate GB del luogo oggetto del record; il campo popolo, che contiene il titolo della parrocchia in cui rientra; il campo piviere in cui è riportato il nome del plebato entro cui essa si trova e i campi con l’indicazione di Comunità, Giurisdizione, Diocesi, e Ducato (o Regno) di appartenenza.

Tali campi aggiuntivi sono riempiti, come già quello della denominazione, con dati forniti da Repetti, o direttamente nell’articolo o in altre voci, quadri o tavole. Se, per esempio, all’articolo specifico di un determinato casale, l'autore segnala quale sia il suo popolo di appartenenza, anche nel caso non ne specifichi il piviere, il campo relativo, per agevolare la consultazione dell'archivio e renderne più complete le informazioni per scheda, risulta comunque compilato se tale dato si sia potuto ricavare da altri articoli.

La situazione amministrativa sia politica che religiosa riportata in questi campi è dunque quella che riferisce Repetti. Egli a volte avvisa anche a proposito di assetti precedenti che, sempre per comodità di consultazione, sono riportati tra parentesi. Lo stesso può accadere quando in più luoghi e volumi dell’opera si parli di una medesima località o essa sia ripresa in più articoli o in tabelle e i riferimenti amministrativi sia politici che religiosi relativi siano cambiati tra una stesura e l’altra; anche in questo caso, nella scheda in cui sono state riunite le due voci, si potranno trovare entrambe le indicazioni. Sarà dalla descrizione che si ricaveranno dati cronologici ed elementi utili a chiarire modalità e contenuti delle variazioni.

Sia nel formato semplice che in quello più dettagliato è poi riportato integralmente il testo dell’articolo o degli articoli ai quali si riferisce la scheda.